come chiedere una lettera di referenze

Le lettere di raccomandazione sono una pratica molto efficace per farsi conoscere nel mercato del lavoro attraverso referenze da parte di persone che hanno già avuto modo di verificare le capacità di un soggetto. Nella ricerca di nuovo lavoro, avere a disposizione delle buone parole di presentazione può aumentare sensibilmente le possibilità di essere selezionati ed è per questo motivo che è fondamentale scegliere le figure giuste alle quali richiedere una lettera di referenza.

Non è necessario averne molte, perché normalmente i responsabili del recruitment ne controllano una media di tre per ogni candidato. La cosa importante è che le informazioni contenute in esse siano coerenti con quelle del curriculum vitae e che mettano in evidenza le proprie abilità, in modo mirato a seconda della posizione lavorativa per la quale ci si sta proponendo. Interesse del recruiter è avere conferme su dove si è lavorato, con quale titolo, sul motivo della cessazione del rapporto e tutti i dettagli utili per capire i possibili punti di forza. 

Ogni volta che termina un rapporto di lavoro sarebbe utile chiedere subito una lettera di raccomandazione dal proprio manager, soprattutto se c'è stata una buona collaborazione. Questo perché, col passare del tempo, potrebbe affievolirsi il ricordo del proprio apporto positivo alla società o perché potrebbero cambiare le figure apicali dell'azienda e perdere preziosi contatti. Avere delle credenziali già pronte anche se non immediatamente necessarie, può rivelarsi vantaggioso in un secondo momento quando servirà presentarle a dei nuovi potenziali datori di lavoro.

Quando si chiede una raccomandazione è bene rivolgersi a chi è in grado di farlo sulla base di una reale conoscenza delle esperienze lavorative: ciò significa che può trattarsi di supervisori e dirigenti, ma anche riferimenti diversi dal datore di lavoro diretto come clienti, conoscenze commerciali, consulenti accademici, professionisti, professori universitari o venditori purché si tratti di persone autorevoli in grado di attestare le capacità nell'ambito professionale, evitando accuratamente testimonianze di amici o parenti che non fornirebbero una referenza attendibile.

Dopo aver individuato la persona adatta, è buona regola rivolgersi ad essa per tempo, concordando con largo anticipo un appuntamento dove spiegare le proprie necessità e specificare su cosa sarebbe utile focalizzare la lettera. La tempistica è molto importante perché chiedere all'ultimo minuto una referenza potrebbe mettere in difficoltà l'interlocutore magari troppo impegnato o, peggio, indispettirlo. Può essere molto pratico anche fornire una lettera di riferimento che possa essere utilizzata come modello.

Oltre ai riferimenti riguardanti il candidato, è opportuno inserire nella lettera tutte le informazioni di contatto del referente, quali nome, qualifica, azienda, telefono, indirizzo email nel caso in cui si scelga di utilizzare la posta elettronica oppure indirizzo fisico se si opta per una soluzione cartacea. È importante sapere che, nella prassi, i recruiter chiedono l'autorizzazione del candidato prima di contattare l'autore delle credenziali per evitare di creare incidenti diplomatici ove il datore di lavoro non fosse al corrente della ricerca di nuova occupazione.

< torna alla pagina precedente